Romanzi erotici e racconti erotici di Abel Wakaam by RossoScarlatto
Abel Wakaam
BibliotecaBiblioteca
Abel Wakaam
Abel Wakaam
La Terra dell'Arcano - Quarta Era

L'erede venne alla luce in una notte di burrasca!

La Terra dell'ArcanoIl cielo e la Terra sembravano fondersi un un'unica immensa macchia scura, spezzata a tratti dallo scintillio repentino dei lampi che si dibattevano oltre la linea infinita dell'orizzonte. - E' una femmina... - gridò la Curatrice più anziana - è forte e tenace... si dibatte come un'amazzone infuriata!

Solo in questo modo poteva succedere, ed infatti così accadde. Un'altra dinastia sarebbe seguita alla prima, ma sulla Terra dell'Arcano avrebbe regnato ancora una volta un'Imperatrice. Che sia stato il fato a decidere per tutti noi non v'è dubbio alcuno e, per ironia della sorte, alla giovane Principessa venne dato il nome di Hirih.

Fu così che l'essere ed il divenire si trasformarono in pane e vino sulla tavola della nostra vita quotidiana, e lo scorrere del tempo si fece così lieve da non permettere nemmeno agli Hammers di rendersene conto. Aria, la Sacerdotessa Suprema, non trovò mai il coraggio di chiedere udienza a Nimira e quel segreto divenne il segreto di tutti noi, incantati di fronte a quel vagito che echeggiava nei saloni immensi della Kioskas Imperiale.

Myrt partì con le sue truppe alla ricerca di un nemico che pareva scomparso nella foresta. Diamante si attestò con le sue Amazzoni migliori per proteggere il Palazzo... e Nusuth riportò l'antica quiete negli intricati cunicoli della Via Oscura, quasi volessero stendere un velo fatato attorno alla neonata.

- Lontano dall'odio e dal terrore, - sentenziò Asiram, con la sua voce roca che trasudava dolcezza infinita - la bambina deve crescere senza i turbamenti che hanno condizionato la nostre recenti vicissitudini, è troppo giovane per doversi preoccupare del nostro futuro!

Dello stesso parere non era certo la nostra amata Imperatrice, troppo desiderosa di trasformarla in una coraggiosa guerriera, ancor prima di insegnarle le regole di corte. E la giovane Hirih, di per sé già troppo intransigente e caparbia, divenne una piccola peste a cui nulla poteva essere negato, eccellendo nelle sole doti di irruenza e di sfida.

Quando in quel mattino afoso sentii gridare nel cortile interno del palazzo, credetti che fosse la sua solita marachella giornaliera, invece la voce di Kristal implorava Nimira di riflettere sulla propria decisione, costringendomi mio malgrado a curiosare.

Menu
Ultimi romanzi

Rebel Black Earth

Biblioteca
Biblioteca
Abel Wakaam by RossoScarlatto